news

LAST ISSUES: NEON10 THE GREAT SAUNITES : NERO - NEON11 HYSM?DUO : SMALL UNIVERSES (2XCDR) NEXT ISSUE : NEON12 LUDMILLA SPLEEN : ACEPHALE - MORE INFO:NEONPARALLELIDIYLABEL.BLOGSPOT.IT

mercoledì 12 dicembre 2012

MAKHNO - RECENSIONE SHIVER WEBZINE

Chi è Makhno? Makhno è il one man project di Paolo Cantù, musicista autodidatta, sperimentatore estremo della chitarra elettrica e di qualsiasi altra cosa gli capiti tra le mani. Dopo aver militato in alcuni dei gruppi più importanti della penisola, dai pionieri industrial Tasaday alla prima incarnazione degli Afterhours, passando per i seminali Six Minute War Madness e A Short Apnea, fino a tutte le formazioni più recenti, è sempre riuscito a mantenere un profilo basso, arrivando all’esordio solista appena qualche mese fa nel 10” della Phonometak Series, condiviso con l’amico di scorribande sperimentali Xabier Iriondo. Silo Thinking è la sua prima prova in completa autonomia. L’album in vinile 12″ esce in coproduzione con le etichette Wallace Records, Hysm?, Brigadisco e Neon Paralleli (dello stesso Cantù) e vede come unico contributo esterno la presenza di Federico Ciappini (Six Minute War Madness).
Silo thinking è il termine inglese usato per definire il “pensare a comparti stagni”. Io ho utilizzato molto il “silo thinking” in momenti in cui i problemi da affrontare erano troppi e i rischi di non trovare soluzioni altissimi. Il riferimento è dunque molto personale, ma è anche un po’ la storia del disco e dei brani. Ho lavorato in modo da trovare per ognuno di loro una soluzione particolare, come se ogni episodio qui presente fosse un comparto stagno, anche se poi inevitabilmente (sia nel caso del disco che nella vita) ti rendi conto che le metodologie per trovare soluzioni, spesso, sono le stesse.”  Descrive così Paolo Cantù la propria avventura col nuovo disco, più di trenta minuti di ricerca, protesta, amaro ricordo ed estro creativo infinito; e così il mago Makhno si destreggia autonomamente fra chitarra, basso, batteria, clarinetto, elettronica e nastri, inscenando un disco di avant-noise, rock acidulo, senza negarsi sprazzi di industrial e contaminazioni storiche.
Canzoni-manifesto che filtrano avidità, forza, rabbia e urgenza: quello di Makhno non è un urlo aperto -come l’opera estrema di Iriondo col suo Irrintzi- piuttosto un’implosione interiore, selvaggia e sintomatica di un disagio sociale attualissimo, di una non- Storia lacerata, da nomi, luoghi e persone. Dalla liquida e ipnotica ”Remember” che ricorda la Congiura delle polveri del 1605 (fallito complotto progettato da un gruppo di cattolici inglesi a danno del re Giacomo I d’Inghilterra) in mezzo a lidi free-jazz distorti e psichedelici, ai ritmi à la Ulan Bator de ”La Makhnovtchina”, inno della resistenza anarchica ucraina guidata dall’irriducibile Nestor Makhno. Il post-industrial di ”Ulrike” si fa spasmodico e acido nel ricordare la giornalista e terrorista tedesca Ulrike Marie Meinhof. Zena” è un dipinto coloratissimo che racconta degli scontri avvenuti a Genova il 30 giugno 1960 contro il congresso fascista organizzato in città. Spettri rock ed esaltanti drone di chitarra riecheggiano un passato difficile in cui Cantù sembra sentirsi ancora prigioniero. La voce del compianto Stiv Livraghi, fondatore dei Tupelo, entra palpitante nell’oscuro turbinio carnale di ”Stiv”, marziale saluto all’amico scomparso nel 2000 in seguito ad un drammatico incidente stradale. Atmosfera tesissima per ”Father and Son”, un post-rock abrasivo e rumorista mentre gli otto minuti de ”La fine della storia” ricordano un desert-blues tiratissimo e vorticoso. La conclusione è affidata a ”Custer” che vede il primo e unico apporto esterno, quello di Federico Ciappini (ex Six Minute War Madness) che qui regala una voce narrante, fra allucinazione e violenza, per una nervosissima confessione a cuore aperto sulla feroce battaglia di Little Big Horn. Ai più potrà forse suonare come un impasto fra Massimo Volume e Offlaga Disco Pax… niente di tutto ciò: c’è una disperazione alienata e straziante, un sarcasmo tombale che avvicina il recitato di Ciappini a un violento assalto sonoro del miglior Carmelo Bene.
Quello creato da Makhno/Cantù è un fiume in piena, le cui acque straripano fra rock industrial sperimentale e noise, ma quel noise bello, fatto di chitarre sferraglianti un po’ Shellac un po’ Suicide. È anche un fiume di satira incattivita e tagliente a metà fra Pere Ubu e Jesus Lizard, incastonato in un’atmosfera ossessiva e meccanica. Silo Thinking è un album intenso e nervoso, come solo un album politico sa essere, con la sua voglia di partecipare e vivere l’obbligatorietà di una scelta. Fare politica è questo e la bellezza di prendersi la libertà di pensare e agire seppure stanchi e delusi da una società vecchia, arcigna e arida. Per concludere questo viaggio all’insegna della destrutturazione sonora e degli idealismi simbiotici, vi lascio alle parole di Ciappini nel finale dolcemente straziante di ‘Custer‘: ” Sento che noi siamo così Paolo, circondati e senza alcuna speranza di salvezza, e ciò nonostante valorosamente ci battiamo……noi discendiamo dagli dei e abbiamo il coraggio, la volontà, la forza delle nostre idee e conosciamo l’amore, l’amore che è una cosa meravigliosa, che è una cosa viva, che è una cosa immensa, come la nostra vita, come le nostre donne, come le nostre musiche e le nostre grida Dammi due pistole Paolo, che voglio morire come il Generale Custer”.  

Beatrice Pagni 

LEGGI TUTTE LE RECENSIONI / OTHER REVIEWS CLICK HERE

domenica 2 dicembre 2012

MAKHNO - NUOVE RECENSIONI, NUOVO LINK STREAMING

ASCOLTA MAKHNO - SILO THINKING IN STREAMING CLICK HERE

NUOVE RECENSIONI:
BASSIFONDI Postfanzine

Pressoché inconsistenti sono le probabilità, che tale disco di Paolo Cantù, in arte Makhno, venga apprezzato, appurato e ‘viaggiato’ lungo tutti i suoi sentieri, allo scadere di un solo primo ascolto, di una sola prima impressione. Tanto quanto inconsistenti risulterebbero i tentativi di elencare le varie e intricate motivazioni, per cui l’ascolto di “Silo Thinking” (Hysm? / Brigadisco Records / Wallace Records / NeonParalleli, 2012) risulta meravigliosamente invadente e coinvolgente. Un album, che dato il forte interesse e fascino che suscita, incita alla scrittura e, ancor più, ad approfondire la vicenda Makhno, nei suoi risvolti non prettamente musicali, ma, più largamente, politici. Perché sembra proprio un risveglio improvviso di coscienza, quello che porta alla nascita di un disco di tal tipo; un risveglio dal sozzo sudiciume della (ir)realtà storica contemporanea. Un risveglio di coscienza, che permette di tessere un paragone con il percorso rabbioso, intrapreso dai Fuzz Orchestra, ma le similitudini, ritornando sui nostri passi e concentrandoci su un discorso musicale, terminano qua. Tuttavia, non sembra a noi minoritaria l’importanza, che andrebbe dedicata a tale sfaccettatura: la musica, che, in tempi di crisi esistenziali, si riappropria dei contenuti per dar vita a un fuoco fatuo, con cui poter incendiare le macerie abbandonate di quegli ideali, che le convenzioni di un passato opprimente hanno portato allo stato di ultimo degrado. “Ecco, io, spesso, mi sento così, sento che noi siamo così, Paolo. Circondati e senza alcuna speranza di salvezza, e ciò nonostante, valorosamente, ci battiamo con l’eccezione che i nemici non sono i coraggiosi Sioux, bensì una massa di stupidi, di ignoranti, di pecore, che obbediscono per paura. E sono pigri e indecenti e servi.” Poesia politica, futurista e popolare.

THE WHITE SURFER
E' praticamente impossibile parlare di Paolo Cantù senza tracciare un parallelo con la carriera di uno dei suoi più longevi compagni di viaggio, Xabier Iriondo: entrambi sulla scena musicale da oltre vent'anni, durante i quali hanno dato vita a molte delle band cardine dell'underground nazionale, dagli Afterhours ai Six Minute War Madness, dagli A Short Apnea agli Uncode Duello, passando per un'infinità di progetti minori; entrambi giunti all'esordio in solitaria solo ora, peraltro dopo un'anticipazione condivisa nel decimo ed ultimo volume della Phonometak Series, in cui gli artisti si spartivano i due lati del 10".
E' invece impossibile per me fare un confronto tra il disco in questione ed "Irrintzi", l'album di Iriondo, che non ho ascoltato. Cosa che non mi impedisce comunque di tessere le lodi di questo eccellente "Silo Thinking": c'è molto delle esperienze pregresse del nostro Makhno, a partire dai clangori industrial della chitarra (ecco i Tasaday) che spesso e volentieri si lancia in sferraglianti progressioni noise memori degli Shellac (Remember) e dei Novanta più noise e math.
Esplicito il messaggio politico sin dalla scelta del moniker, preso in prestito all'anarchico ucraino Nestor Makhno al quale è dedicata una versione noise - e qui L'Enfance Rouge ha fatto scuola - dell'inno La Makhnovtchina, e che continua con le successive Ulrike (Meinhoff, della banda Bader-Meinhoff), proto-techno a suon di drum machine e sei corde, e Zena, racconto antifascista d'epoca in dialetto genovese immerso in un delirio di percussioni e destrutturazioni chitarristiche (e qui sbucano le sperimentazioni degli A Short Apnea). Paolo Cantù si occupa di tutto: chitarre, basso, batteria, voce, drum machine, clarinetto, nastri. Campionamenti vocali a parte - tra i quali spicca il commovente omaggio all'amico Stiv Livraghi, frontman dei Tupelo e dei Playground (band dalle quali nacquero i lodigiani Satantango) morto in un tragico incidente d'auto - l'unico contributo esterno è quello di Federico Ciappini dei Six Minute War Madness nella trascinante (a onor del vero, i primi Massimo Volume potrebbero chiedere i diritti d'autore), conclusiva Custer, vera e propria dichiarazione di guerra alla mediocritocrazia oggi imperante.
Non corre invece il rischio di essere mediocre Cantù, che ci regala un album riuscitissimo nonché ottima sintesi di una carriera che pochi, in Italia, possono vantare.
Alessandro Gentili

LEGGI TUTTE LE RECENSIONI / OTHER REVIEWSCLICK HERE